Archive for giugno 2011

YEP! :)

Finalmente sono tornata in possesso del mi hard-disk e ho potuto completare la ricetta della Focaccia di Nizza con la sua video ricetta! :)
Andate a vederla! Un bacione e a presto!

Posted in , | 3 Comments

Opss!

Piccolo appunto sull'ultima ricetta postata: purtroppo la video ricetta non sono ancora riuscita a metterla online sul canale YouTube perchè l'alimentatore del mio hard-disk esterno (dove ho tutte le ricettine! ^^) ha fatto le scintille e devo aspettare che mi ritorni aggiustato o nuovo! :) Nel frattempo ho messo la ricetta che aveva vinto il piccolo "sondaggio" sulla mia Fanpage di Facebook e con la quale partecipo al concorso del banner che trovate nel post della ricetta! Spero che vi piaccia: è una focaccia da urlo! :) Un bacio e a presto!

Posted in , | Leave a comment

PISSALADIERIA: una specialità di Nizza

 

Una ricetta tipica francese, ideale per queste giornate estive passate all'aria aperta. Una focaccia ricca di sapori! :)

Ingredienti:
- 500 g di Pasta di pane base (clicca QUI per la ricetta);
- 1 kg di cipolle affettate sottilissime (meglio di Tropea, perchè sono le più dolci);
- filetti di acciuga dissalati sott'olio (circa 28);
- olive nere snocciolate;
- sale;
- olio;
-pepe;


Link alla video ricetta: Pissaladieria - Video Ricetta

Preparazione:
Per prima cosa facciamo appassire le cipolle tagliate in 4 cucchiai di olio in una padella coperta, a fuoco lentissimo per almeno 40 minuti; quindi condiremo con sale e pepe.
Ungiamo una teglia (oppure una tortiera) e stendiamoci sopra la pasta di pane facendo anche il bordo; riempiamo quindi il centro con le cipolle e disponiamo i filetti di acciuga a scacchiera (come le crostate di marmellata): al centro di ogni incrocio di acciughe mettiamo un'oliva nera snocciolata.
Ora possiamo infornare a 220°C per circa 20-25 minuti (forno statico).
Bon Appetit!


Posted in | 2 Comments

Cupcakes cioccolato e mandorle


I cupcakes sono i dolcetti più versatili e facili da fare, e ovviamente ottimi! :) Decine di abbinamenti e decorazioni diverse (buttercream, frosting, ripieni, ecc) metteranno in crisi le vostre scelte culinarie, ma il risultato è sempre garantito ed unico! Eccovi una delle tante ricette!

Link alla video ricetta: Cupcakes cioccolato e mandorle - Video ricetta

Ingredienti:

- 100 g di cioccolato fondente spezzettato;
- 50 g di mandorle tritate;
- 90 g di farina auto lievitante;
- 4 uova (tuorli e albumi separati);
- 115 g di zucchero;
- 2 cucchiai di latte caldo;
- trucioli di cioccolato;
- cacao amaro in polvere; 
Per la ganache: 
- 100 g di cioccolato fondente;
- 100 g di burro;


Preparazione:
Tritare il cioccolato fondente con il mixer finemente; fare lo stesso con le mandorle. Unire i due ingredienti insieme alla farina setacciata. Sbattere i tuorli con lo zucchero finché non diventano chiari e spumosi. Unisci la miscela con il composto di cioccolato, mandorle e farina e con il latte caldo. Monta a neve gli albumi  con un pizzico di sale e incorporarli delicatamente  (mescolando dall’alto verso il basso) al resto del composto. Accendere il forno a 180° C. Rivestire gli stampi da muffin con i pirottini di carta e versarvi il composto con un cucchiaio: riempire poco più della metà. Infornare per 10-12 minuti, fare sempre la prova dello stuzzica dente per verificare la cottura. Lasciarli raffreddare una volta sfornati.

Sciogliere a bagno-maria il cioccolato fondente con il burro, mescolando fino a che non risulta ben amalgamata.
Mettere in frigo per 20 minuti mescolando frequentemente per farla addensare.

Creare un buco centrale nei muffin e riempirlo con la ganache, qualche truciolo di cioccolato e spolverizzare con il cacao amaro. Bon appetit!

Posted in , , , | 2 Comments

I Grissini



Con la Pasta di pane si possono fare tantissime ricette diverse, tutto dipende dall'ingrediente che aggiungeremo prima della seconda lievitazione. Olio? Otterremo un prodotto croccante, è l'ideale per dei fragranti grissini! :)

Ingredienti:
- 500 g di pasta di pane già lievitata (clicca QUI per la ricetta);
- 1 cucchiaio e mezzo di olio;
- aromi (origano, finocchio, sale grosso, cumino, ecc);

Preparazione:
Uniamo l'olio alla pasta di pane ed impastiamo fino a che non si assorbe tutto (non c'è bisogno di impastare energicamente quanto per la prima lievitazione, l'importante è l'assorbimento dell'olio). A questo punto prima di dare forma al pane che si vuole ottenere, bisogna fare riposare la pasta per 30-40 minuti coperta.
Per fare i grissini, si tira una sfoglia spessa circa 1,5 cm, spennelliamo la superficie con dell'olio e spolverizziamola con gli aromi che abbiamo scelto. Ora tagliamo con un coltello affilato delle striscioline larghe 1 o 2 cm. A questo punto le arrotoliamo su loro stesse e le stendiamo su una teglia (non c'è bisogno di oliare la teglia) premendo le loro estremità, in modo che si fissino bene. Lasciamo riposare altri 10-15 minuti e poi inforniamo a 180° per 13 minuti (otterremo un grissino leggermente croccante fuori e morbido all'interno) o per 15-20 minuti (per un grissino più croccante).
Buon Appetito!
Link alla video ricetta: I Grissini - Video ricetta

Posted in | Leave a comment

Pasta di Pane Base


La ricetta base da cui partire per fare quasi tutti i lievitati che amiamo: pane, grissini, pizza, focacce, ecc!!! Provate anche voi la magia del pane fatto in casa!

Ingredienti:
- 500 g di farina (250 g di Manitoba e 250 g di farina 0; in mancanza di Manitoba, usiamo solo la 0);
- 250-300 g di acqua;
- 25 g di lievito di birra;
- 1 cucchiaino di malto (di orzo o riso, ecc):
- 10 g di sale;
- 4 cucchiai di olio;

Preparazione:

Innanzitutto potete decidere se sciogliere il lievito in un pò dell'acqua o se sbriciolarlo sulla fontana di farina (in questo casa lasciamo riposare qualche minuto i 2 ingredienti insieme).
Creare la fontana di farina e fare un piccolo buco all'esterno di essa dove metteremo i 10 g di sale (il sale non deve andare subito a contatto con il lievito, se no può impedire una lievitazione ottimale).
Sciogliamo (o sbricioliamo) il lievito all'interno della fontana e impastiamo aggiungendo il malto, i 4 cucchiai di olio e la restante acqua. Quando avremo cominciato ad impastare da qualche minuto possiamo incorporare anche il sale.
Lavorare con energia fino ad ottenere un impasto dapprima grumoso (appicicoso) e poi morbido ed elastico (potete usare un pò di farina se avete usato troppa acqua, ma con 250 g di acqua e impastando bene non ho dovuto aggiungere altra farina).
Oliate quindi una ciotola capiente, mettetevi l'impasto, copritelo con la pellicola trasparente e lasciatelo lievitare al caldo per circa un'ora e mezzo (d'inverno potete mettere la ciotola nel forno con solo la luce accesa), fino a quando la pasta avrà raddoppiato di volume.

Dopo questa prima lievitazione potremo decidere di fare centinaia di ricette diverse, tutto dipende se aggiungeremo un altro ingrediente (burro, olio, strutto, vaniglia, ecc) o se usare la pasta base per pizza o focacce.

N.B.: potete anche usare metà del lievito di birra (anzi è più salutare) e fare lievitare il doppio del tempo; in questo modo il risultato sarà migliore. In alternativa al lievito di birra potete usare la pasta madre (vedi la ricetta nella categoria "Pane e Pizza")

Link alla video ricetta: Pasta di Pane base - Video ricetta

Posted in | 4 Comments

"New York City's Smell", lasciatevi trasportare dai profumi

Quale altro campo artistico richiede l’utilizzo di tutti e cinque i sensi?
Se ci pensiamo, l’arte culinaria è l’unica a cui ci si può approcciare con la vista, con il tatto, con l’udito (il rumore delle padelle o delle patatine che allegramente sgranocchiamo), con il gusto (ovviamente!) e con l’olfatto.
A New York è l’olfatto, a mio parere, che primeggia sugli altri sensi; sì, perché non sentirete solo profumi nelle prossimità di ristoranti o fast food, ma anche nelle zone verdi. Certamente, come in molte altre grandi metropoli, non mancano odori poco piacevoli, ma non voglio parlarvi di questo.
Nella Big Apple, ogni quartiere ha le proprie caratteristiche, tanto che è nata una famosa collezione di profumi che rispecchia l’essenza di ogni zona.
Ma qual è la loro “anima culinaria”?






A Chinatown potrete imbattervi negli odori agrodolci e speziati tipici del paese originario; a Little Italy (oltre ad avere i brividi nel sentire l’atmosfera della vostra lontana patria) riconoscerete il profumo della pizza, delle lasagne e magari dell’Espresso; in tutta New York non mancano le bakery (i forni) per i bagel (dei panini a forma di ciambella fatti con diversi ingredienti e pronti per essere farciti con formaggi o marmellate). Camminando per le afose e affollate strade della città, sentirete la fragranza della cipolla soffritta, della carne alla griglia e del gusto gentile del caffè americano.







Ma il luogo che stupisce di più è Central Park. L’altro giorno, mentre attraversavo questa splendida creazione dell’uomo, mi è sembrato di sentire il profumo delle polpette di mia nonna; l’odore di noce moscata era così forte che ho subito pensato all’immagine di questo semplice piatto. Poco dopo ho attraversato “Strawberry Fields” (trad. “Campi di fragole”), il luogo dedicato a John Lennon, e , forse suggestionata dal nome, sono stata assalita da un dolce profumo di fragole. Più tardi, passando per il sud del parco,mi sembrava quasi di essere circondata da enormi chiodi di garofano: come fosse possibile non lo so.





New York è come un lungo pentagramma ricco di note profumate, uno spartito unico, che affianca altre numerose composizioni in una speciale libreria universale.
Provate anche voi, in ogni viaggio o esperienza, a catturare gli aromi che vi circondano e sarete stupiti nel rendervi conto che anch’essi sono caratteri del luogo, quanto i suoi paesaggi.
E’ un approccio differente da quello del comune turista, ma ricco di piacevoli sorprese che regalano ricordi eterni.

Posted in | Leave a comment