Baci di Dama

C'è chi usa le mandorle, chi aggiunge il cacao, ma la loro origine richiede l'uso delle nocciole piemontesi. I Baci di Dama fanno parte della tradizione Piemontese, semplici nella forma, ricchi e speciali nel gusto. Due gusci di pasta alle nocciole si uniscono in un bacio cioccolatoso.
Perfetti in ogni momento della giornata, i Baci di Dama sono anche l'ideale per concludere una romantica cena.

Link alla video ricetta:


Ingredienti per circa 100 baci:
- 300 g di nocciole;
- 300 g di burro;
- 200 g di zucchero;
- 100 g di zucchero di canna;
- 500 g di farina;
- 1 bacca di vaniglia;
- 1 uovo;
- sale q.b.;
- cioccolato fondente;
- cioccolato al latte;


Preparazione:
Primissima cosa: tritate finemente le nocciole con un mixer o robot da cucina, quindi versatele in una ciotola capiente.

Aggiungete la farina, i due tipi di zucchero, il burro ammorbidito, l'uovo, i semi di bacca di vaniglia e il sale.

Cominciate ad amalgamare tutti gli ingredienti. Se disponete di una spianatoia grande, potete impastare direttamente a mano.

L'impasto finale deve risultare omogeneo. Quindi avvolgetelo nella pellicola trasparente e lasciatelo riposare in frigo per una mezz'oretta.

Quindi create delle strisce cilindriche (come per fare i gnocchi di patate) da cui ricaverete delle piccole palline.
Posizionatele su una teglia ricoperta con della carta da forno.

Infornate i biscotti a 170° C per 12 minuti.

Lasciate raffreddare completamente i biscotti sopra una griglia e nel frattempo fondete insieme a bagno maria metà cioccolato fondente e metà al latte.

E' il momento di assemblare i baci di dama.
Immergete la base di un biscotto nel cioccolato fuso e combaciatelo con un'altra metà più o meno della stessa grandezza.
E' sufficiente poco cioccolato per ogni bacio di dama e vi assicuro che, una volta raffreddato il cioccolato, resteranno uniti per sempre o, per lo meno, fino al loro assaggio.

Conservate i Baci di Dama in scatole di latta o vasi di vetro.

Buon appetito!


This entry was posted in ,,. Bookmark the permalink.

Leave a Reply