Pasta Frolla - La vendetta

Eccomi di nuovo!
Allora, oggi vi propongo una ricetta base: la pasta frolla! Perchè "la vendetta"?
Nei primi mesi del mio canale avevo presentato la ricetta di uno dei dolci più buoni che ci sia, ovvero la Crostata al limoncello e meringhe (vi metto qua il link alla videoricetta); la base di questa torta è proprio di pasta frolla.


Tuttavia, poco tempo fa, ho cucinato una tradizionale crostata di marmellata e ho seguito una nuova ricetta per la pasta frolla: a mio parere, non c'è paragone! Forse è stata semplicemente l'aggiunta della scorza di limone, ma sta di fatto che il sapore era commovente.
Per questo validissimo motivo, anche se il giudizio è sempre soggettivo, vi lascio la ricetta della Pasta Frolla 2 - La vendetta.

Ingredienti per circa 6 persone:
- 200 g di farina;
- 100 g di burro freddo tagliato a cubetti;
- 100 g di zucchero;
- 3 tuorli;
- la scorza grattugiata di 1 limone;
- un pizzico di sale;

Preparazione:
Mescolate insieme lo zucchero e la farina, aggiungete i tuorli, la scorza di limone grattugiata e infine il burro freddo. Cominciate ad impastare a mano o con l'impastatrice; siccome io l'ho fata in piena estate e il punto critico della pasta frolla è il burro che si scioglie a contatto con le mani, ho deciso di aiutarmi con la planetaria.
Aggiungete un pizzico di sale e continuate ad impastare. Quando avrete ottenuto una palla liscia (ovviamente, ho dovuto abbandonare la planetaria e completare con le mani, cercando di essere molto veloce), coprite l'impasto con la pellicola trasparente e lasciatela raffreddare in frigorifero per 30 minuti.
A questo punto, potete usare la vostra Pasta Frolla nel modo che più vi aggrada!
Buon appetito! :)

Itadakimasu! (si dice in Giappone prima di mangiare, letteralmente significa "ricevo")

P.S.: non ho messo nessuna foto, in quanto la pasta frolla avvolta nella pellicola è un pò triste, non trovate? :) Quindi vi lascio alla Crostata al limoncello, che consiglio caldamente di provare!


This entry was posted in ,,,. Bookmark the permalink.

Leave a Reply